UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Specializzazione in dottrina sociale della Chiesa

-
6 Settembre 2000

e è compreso l'abbonamento alla Rivista culturale dell'Università Nuntium.
Tipo Ciclo di licenza Ciclo di dottorato Corso per il diploma biennale Master Tassa di mora per l'iscrizione dopo il 15-10-2000 fino al 30-11-2000 fino al 30-9-2000 1.600.000 850.000 750.000 850.000 dall'1-10-2001 1.650.000 900.000 800.000 900.000

220.000
Per informazioni:
Istituto Pastorale "Redemptor Hominis" Prof. Sergio Lanza, Preside Tel 00 39 6 698 86539 E-mail: segpastorale@pul.it
Segreteria Didattica: Dr.ssa Simona Ciotti Tel 0039 6 698 86401 - Fax 00 39 6 698 865 08 E-mail: pulsegre@librs6k.vatlib.it
General Enquiries in English Tel 00 39 6 698 865 45 Dr. Philip Milligan
Información General en Español Tel 00 39 6 698 864 01 D. Gabriel Richi Alberti
Renseignements en Français Tel 00 39 6 698 865 41 Dr. C.-H. Huyghues Despointes. Pontificia Università Lateranense Pontificio Istituto Pastorale Redemptor hominis
Specializzazione in dottrina sociale della Chiesa

Il Pontificio Istituto Pastorale Redemptor hominis è stato eretto da Pio XII presso la Pontificia Università Lateranense con la Costituzione Apostolica Ad uberrima del 3 giugno 1958. Con il Motu Proprio Cum inde del 17 maggio 1959, Giovanni XXIII lo dichiarava parte della stessa Università. Giovanni Paolo II in più occasioni ha ribadito l'importanza dell'Istituto per lo studio scientifico della teologia pastorale. Si propone finalità scientifiche (ricerca nell'ambito delle discipline teologico-pratiche), pedagogiche e didattiche e offre: curricoli accademici (licenza e dottorato) per la preparazione dei futuri docenti in Teologia Pastorale e in Dottrina Sociale della Chiesa percorsi di qualificazione per gli operatori in ambito pastorale e sociale (diplomi) un master di qualità in Dottrina sociale. Nella sua quarantennale vicenda, l'Istituto è stato chiamato a rispondere a esigenze sempre più ampie e articolate. Le rapide modificazioni che hanno investito e per molti versi sconvolto gli assetti socioculturali del nostro tempo, l'intensificarsi degli scambi e delle interazioni tra diverse civiltà e culture, il configurarsi teoretico e pratico di nuove concezioni e di nuovi assetti della società civile pongono alla riflessione teologica problematiche scottanti e urgentissime, emblematicamente raccolte nell'appello alla nuova evangelizzazione lanciato con forza da Giovanni Paolo II. Una sfida che si impone con particolare drammaticità e concretezza negli ambiti dell'azione pastorale e sociale. Per meglio perseguire tale obiettivo, è stata attivata una specializzazione in Dottrina Sociale della Chiesa, che integra il consolidato curriculum in Teologia pastorale, arricchendolo significativamente, e segna il compito storico di dar vita a una elaborazione teologica adeguata. Con tale specializzazione, l'Istituto si pone in fedele e creativa continuità con la propria originaria vocazione di servizio ecclesiale. La dottrina sociale della Chiesa, infatti, costituisce "elemento essenziale della sua missione, indissolubilmente congiunto con essa" (cf GIOVANNI PAOLO II, lettera enciclica Redemptor hominis, 15). L'Istituto ha due sezioni: § sezione per Gradi Accademici § sezione per Diplomi e Master
Sezione per Gradi Accademici § licenza in teologia pastorale, indirizzo in dottrina sociale della Chiesa Il Piano di studi è di durata biennale e prevede la frequenza di ventuno corsi (tre comuni, otto obbligatori, dieci opzionali scelti nelle aree tematiche), e di due seminari per un totale di 42 crediti. § dottorato in teologia con indirizzo in dottrina sociale della Chiesa Il terzo ciclo o Biennio Superiore di ricerca si conclude con il conseguimento del III grado accademico o Dottorato.
Sezione per Diplomi e Master § diploma di esperto in dottrina sociale della Chiesa Il Piano di studi è di durata biennale e prevede quattordici corsi (otto obbligatori e sei opzionali scelti nelle aree tematiche), un seminario e una dissertazione scritta in Dottrina Sociale della Chiesa, su un argomento scelto dallo studente d'intesa con il rispettivo professore. § master in dottrina sociale della Chiesa E un corso biennale particolarmente pensato per i laici in possesso di un titolo di studio rilasciato da Istituti universitari (laurea in scienze sociali, filosofia, diritto e altre) o del titolo di Magistero in Scienze Religiose, o denominazioni equivalenti. Con la sua originale articolazione disciplinare, la qualità della docenza, la cura personalizzata dei partecipanti, il Master in Dottrina Sociale della Chiesa si propone come via di reale arricchimento sul piano della formazione personale e della competenza professionale. Con una ricaduta di benefici immediatamente sensibile; ma, soprattutto, con un contributo davvero significativo allo sviluppo di una società degna dell'uomo. Il Piano di studi è di durata biennale e prevede ventuno discipline (otto obbligatorie, tredici opzionali scelte nelle aree tematiche) e due seminari per un totale di 42 crediti. E richiesta una dissertazione scritta in Dottrina Sociale della Chiesa, su un argomento scelto dallo studente d'intesa con il rispettivo professore. L'ordinamento degli studi si articola in discipline fondamentali (obbligatorie) e aree di approfondimento tematico (indirizzo). Tutti i corsi hanno cadenza semestrale (2 crediti).
a) Discipline fondamentali obbligatorie: Teologia dell'azione ecclesiale: identità e metodo della Teologia Pastorale e della Dottrina Sociale della Chiesa (Teologia pastorale fondamentale I). Magistero sociale Teologia biblica dell'azione sociale Storia della questione sociale Antropologia ed etica sociale Sociologia Dottrine economiche Dottrine politiche
b) Aree di approfondimento tematico (indirizzo) : L'economia e il lavoro La carità e la solidarietà fraterna L'edificazione della città dell'uomo
c) Seminari: sviluppano con metodologie loro proprie temi connessi con le discipline fondamentali o speciali.
Immatricolazioni ed iscrizioni
Le immatricolazioni e le iscrizioni si effettuano nel periodo: 1 giugno - 15 ottobre; dopo tale data gli studenti potranno iscriversi fino al termine perentorio del 15 novembre solo se potranno documentare gravi problemi personali, familiari o di salute e previa autorizzazione del Rettore. Dopo il 15 novembre le immatricolazioni e le iscrizioni sono assolutamente proibite. Gli studenti iscritti dopo il 15 ottobre non potranno accedere a eventuali benefici economici concessi dall'Università. E prevista l'assegnazione di borse di studio.
Tasse accademiche
Le tasse accademiche danno diritto all'iscrizione e alla frequenza delle lezioni, a sostenere gli esami, alla tessera di studente e all'ingresso nella Biblioteca dell'Università. Nella tassa di iscrizion

<