UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Saluto alla 44a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani

8 Ottobre 2004

Ringrazio di cuore il Comitato delle Settimane Sociali dei Cattolici italiani e, in particolare, il suo Presidente per l’invito rivoltomi a portare un saluto ai partecipanti. Sono lieto di essere qui con voi a condividere il generoso impegno culturale di dare quelle risposte che il Vangelo del Signore ci suggerisce alle tante questioni riguardanti il tema della democrazia, che, con lungimiranza e coraggio, avete posto al centro della vostra riflessione.
Custodi di una visione della democrazia come valore e non solo come metodo, i cristiani sono chiamati a svolgere una funzione decisiva, attraverso la loro testimonianza personale e comunitaria e il loro impegno sociale e politico, al fine di evitare lo svuotamento di significato del termine «democrazia» .
In questo compito, i cristiani trovano una guida sicura nei principi enunciati dalla dottrina sociale della Chiesa. Essa ha dato il suo specifico sostegno al concetto di democrazia a partire dall’importante Radiomessaggio di Pio XII per il S. Natale 1944, che costituisce l’inizio di una nuova linea dell’insegnamento pontificio, costantemente sviluppata, in seguito, da tutti i Pontefici successivi, in particolare da Giovanni Paolo II.
L’apprezzamento di Giovanni Paolo Il per i sistemi democratici è costantemente accompagnato dalla preoccupata richiesta di vedere approfondita la questione del rapporto tra democrazia e valori. Il messaggio centrale del Santo Padre è che una democrazia fondata sull’agnosticismo o sul relativismo scettico anziché sulla verità non è autentica .
La tensione, nei sistemi democratici, fra la democrazia intesa come metodo e la democrazia concepita come sistema di valori, oltre che un tema chiave di riflessione per la dottrina sociale della Chiesa, deve diventare, sotto la spinta dei cristiani, oggetto del dibattito sociale e politico. Un’infusione di eticità, tanto necessaria, non è tuttavia sufficiente a risolvere tutti i problemi dei sistemi democratici del nostro tempo. L’estensione della partecipazione responsabile, una più soddisfacente sintesi di efficacia decisionale e di controllo dal basso, un’incisiva tutela dei diritti civili di fronte alle nuove minacce cui essi sono esposti, la realizzazione autentica e piena dei diritti sociali sono gli obiettivi qualificanti per le istituzioni di società libere, che aspirino ad essere coerenti fino in fondo con gli ideali basilari della democrazia.
In vista della concretizzazione degli obiettivi sopra elencati, alla riflessione e all’impegno di quanti si adoperano per raggiungere queste finalità si offre come fonte di preziosissima ispirazione la visione della persona umana tratteggiata dai documenti del Magistero sociale. Essa, innanzitutto, ha il merito di indicare i limiti di quella concezione individualistica dell’essere umano che è stata la matrice di alcune delle più gravi degenerazioni dell’ideale democratico.
Il grande lavoro che, a vari e diversificati livelli, la Chiesa ha compiuto e continua a svolgere sul piano internazionale a difesa dell’uomo, rivela oggi la sua decisiva importanza e pone le premesse per l’impegno che attende, negli anni futuri, i cristiani e tutti gli uomini di buona volontà. La salvaguardia dei valori della democrazia si realizza tramite la tutela dei deboli in ogni angolo della terra, cosi’ come attraverso il sostegno ad una politica attenta ai diritti non solo delle singole persone, ma anche dei popoli, che devono essere rispettati nella loro storia, nelle loro tradizioni, nei loro costumi, e aiutati a portare il loro contributo allo sviluppo dell’umanità, senza che le loro peculiarità siano cancellate o assorbite entro un modello prefissato.
Vale la pena di ribadire con forza come risulti sempre più evidente il fatto che la democrazia di domani non può essere né pensata né costruita solamente entro i confini delle singole Nazioni. Essa richiede istituzioni, procedure, regole nuove e uomini in grado di dare contenuto a nuove sfide.
Nel contesto della celebrazione di questa Settimana Sociale dei Cattolici italiani, sono lieto di annunciare che il prossimo 25 ottobre verrà reso pubblico il Compendio della dottrina sociale della Chiesa. Diviso in tre parti, che trattano dei fondamenti, dei contenuti e delle prospettive pastorali, il documento offre un quadro complessivo delle linee fondamentali del «corpus» dottrinale dell’insegnamento sociale cattolico, che consente di affrontare adeguatamente le questioni sociali del nostro tempo; esse richiedono di essere prese in considerazione con una visione d’insieme, perché si caratterizzano come questioni sempre più interconnesse, che si condizionano a vicenda e che riguardano sempre di più tutta la famiglia umana.
Con questo documento, il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace ha inteso porsi accanto ad ogni comunità cristiana offrendole uno strumento indispensabile per annunciare e attualizzare il Vangelo nella complessa rete delle relazioni sociali. Di fronte abbiamo una sfida molto impegnativa: non si tratta, infatti, semplicemente di raggiungere l’uomo nella società, l’uomo quale destinatario dell’annuncio evangelico, ma di fecondare e fermentare la società stessa con il Vangelo . Prendersi cura dell’uomo, pertanto, significa, per la Chiesa, coinvolgere anche la società nella sua sollecitudine missionaria e salvifica. Tutti voi sapete bene che la convivenza sociale spesso determina la qualità della vita e perciò le condizioni in cui ogni uomo e ogni donna comprendono se stessi e decidono di sé e della loro vocazione. Per questo motivo, la Chiesa non può essere indifferente a tutto ciò che nella società si sceglie, si produce e si vive, alla qualità morale, cioè autenticamente umana e umanizzante, della vita sociale. La società e con essa la politica, il sistema democratico, l’economia, il lavoro, il diritto, la cultura non costituiscono un ambito meramente secolare e mondano e perciò marginale ed estraneo al messaggio e all’economia della salvezza.
Sono certo che la Chiesa italiana riserverà al Compendio una buona accoglienza attraverso una generosa risposta agli impegni che esso sollecita. La dottrina sociale, infatti, è della Chiesa perché la Chiesa è il soggetto che la elabora, la diffonde e la insegna. Essa non è prerogativa di una componente del corpo ecclesiale, ma della comunità intera: è espressione del modo in cui la Chiesa comprende la società e si pone nei confronti delle sue strutture e dei suoi mutamenti. Tutta la comunità ecclesiale - sacerdoti, religiosi e laici - concorre a costituire la dottrina sociale, secondo la diversità di compiti, dei carismi e dei ministeri al suo interno. I contributi molteplici e multiformi delle varie componenti ecclesiali – espressioni anch’essi del «soprannaturale senso della fede di tutto il Popolo» – sono assunti, interpretati e unificati dal Magistero, che promulga l’insegnamento sociale come dottrina della Chiesa.
Non dubito che il Compendio sarà un utile strumento per il discernimento morale e pastorale dei complessi eventi che caratterizzano i nostri tempi; una guida per ispirare, a livello individuale e collettivo, comportamenti e scelte tali da permettere di guardare al futuro con fiducia e speranza; un sussidio per i fedeli sull’insegnamento della morale sociale. Soprattutto il laico cristiano, che è l’uomo della mediazione, troverà nel Compendio un punto di riferimento sicuro che gli consentirà di operare quelle necessarie mediazioni che il nostro tempo richiede. Mediazione tra i principi di riflessione, i criteri di giudizio e le direttive di azione della dottrina sociale e le situazioni concrete e uniche in cui si agisce e si sceglie. La mediazione non significa assenza di coraggio, tendenza alla moderazione e al compromesso a qualsiasi costo. Il laico cristiano, se vuol essere sale, luce e lievito deve operare per far emergere sempre di più quanto è autenticamente umano nei rapporti sociali, senza paure e con disponibile speranza verso il futuro.
Permettetemi un’ultima considerazione sulle Settimane Sociali dei Cattolici, presenti in 15 Paesi. Esse sono una storica istituzione di riflessione e di intervento nella società alla luce della dottrina sociale della Chiesa. Vantano un passato illustre, soprattutto in alcuni Paesi europei; di primaria importanza il ruolo da esse svolto di mobilitazione unitaria delle intelligenze per affrontare i grandi problemi sociali del tempo alla luce della fede e per dare vita alle necessarie mediazioni di pensiero e progettuali capaci di configurare ideali storici concreti e proposte praticabili. E auspicabile che questa tradizione non solo non vada persa, ma vengano organizzate le Settimane Sociali anche nelle Nazioni che non hanno mai fatto simili esperienze in passato; in considerazione dell’importanza che ha assunto il processo di unificazione europea, auspico inoltre che vengano promosse le Settimane Sociali dei Cattolici europei. Si tratta di un’esigenza diffusa che ha finora trovato espressione in tentativi non ancora sufficientemente solidi e ben strutturati. Bisogna ora avviare un processo che veda il pieno coinvolgimento di tutte le Settimane Sociali dei vari Paesi europei, in piena sintonia con le Conferenze Episcopali e con il fattivo contributo della Santa Sede, affinché le Settimane Sociali dei Cattolici europei possano proporsi come il frutto di una convergenza di molti fattori e di molteplici istanze. L’organico riferimento alla dottrina sociale della Chiesa, una periodicità conveniente, un’adeguata preparazione e, soprattutto, una attenta programmazione della ricaduta a servizio delle comunità cristiane e per una rinnovata fattiva presenza cristiana nella società europea: queste sono alcune esigenze delle Settimane Sociali dei Cattolici europei. Sono certo che anche questa volta i cattolici italiani non smentiranno la loro generosa e intelligente disponibilità per far avanzare questo progetto.
Renato Raffaele Card. Martino Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace
Bologna, 8 ottobre 2004

ALLEGATI

<