UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Recensioni

-
6 Settembre 2000

a portata di tutti. Di un primo ideale periodo dedicato alla riflessione sulle realtà penultime, si possono ricordare: Teologia delle realtà terresti (1971), La fede e le opere, Le teologie della prassi (1992), L'impegno cristiano. Per una teologia della politica (1993), Babele o Gerusalemme? Per una teologia della città (1992), L'attività umana. Per una teologia del lavoro (1994), In politica da cristiani (1994), Per una spiritualità della politica (1996), Il pensiero sociale dei Padri (1996). Del periodo più direttamente teologico Aspettando l'aurora. Saggio di escatologia cristiana (1996), Una Chiesa possibile (1995), Teologia oggi. Una sintesi competa e aggiornata (1997), il trittico "Chi dite che io sia?", Una cristologia per tutti (1997), Lo Spirito che dà la vita. Sintesi di pneumatologia (1998), Incontro al Padre. Una Teo-logia per tutti (1999). Opere che hanno suscitato l'interesse della critica e degli operatori pastorali. Alcune sono state tradotte in albanese. Collabora a riviste scientifiche, periodici e giornali.
Rosmini, profeta scomodo

Un nuovo libro di don Piero Sapienza dal titolo: Antonio Rosmini, un profeta scomodo, Agrilavoro Edizioni, Roma 1999. Lo abbiamo letto con vivo interesse sia perché scritto da un prete amico e sia perché il nome di Rosmini attira sempre il nostro interesse. Non osiamo affermare che Rosmini ci è familiare, sarebbe un'affermazione presuntuosa; ma possiamo dire che non si è estraneo. E dunque abbiamo colto con piacere l'opportunità di leggere e di presentare questo volume di don Piero Sapienza sul pensiero rosminiano. E un volume agile, ricco di riferimenti all'attualità e di facile lettura: facile sta per accattivante e coinvolgente. Possiamo definirli un libretto-guida ad una seria e sana lettura del più conosciuto e divulgato libro del Rosmini: Delle cinque piaghe della Santa Chiesa. L'Autore si è destreggiato benissimo nel semplificare, senza tradire né minimizzare, l'austero e sovrabbondante scorrere del pensiero sociale, politico ed ecclesiale del Rosmini delle "cinque piaghe"; né ha voluto andare oltre i limiti imposti dall'oggetto studiato. Era facile, infatti, lasciarsi prendere la mano dalla insidiosa vis polemica e aggiornare i contenuti del pensiero rosminiano riferendoli alla Chiesa attuale e al personale ecclesiastico di oggi. L'Autore ha mantenuto un apprezzabile controllo scientifico nella abbondanza di materiale che gli veniva offerto dal Rosmini e non ha voluto strumentalizzare il pensiero del Roveretano per una critica corrosiva contro l'istituzione ecclesiale, memore delle stesse parole del Rosmini che affermava di avere scritto con il preciso intento "di edificare e non di distruggere". Annota l'Autore: "Da vero profeta, il Roveretano non parla per il suo vantaggio e il suo tornaconto personale, ma unicamente per il bene della Chiesa, disposto anche a pagare di persona. Ci rimise infatti, fra l'altro, anche la porpora cardinalizia che gli era stata preannunciata dallo stesso Pio IX". Un buon libro, questo di don Piero Sapienza; buono nello stile, nelle idee, nelle indicazioni pratiche; e fa onore al presbiterio catanese.

GIORDANO FROSINI RIFLESSIONE TEOLOGICA E SPIRITUALITÀ "Teologia viva" [B 4]
Pagine previste 144 - Presso previsto £. 22.000 (euro 11,36) ISBN 88-10-40947-7 Uscita Aprile 2000

Dopo un tempo di quasi assoluta separatezza, il difficile rapporto tra teologia e spiritualità si sta via via ricomponendo: Tra i protagonisti di questa ricucitura troviamo i migliori nomi della teologia contemporanea: O. J. Danièlou, H. de Lubac, K. Rahner, G. Thils, H.U. von Balthasar, Teilhard de Chardin, M-D. Chenu, Y.M.-J. Congar, D. Bonhoeffer ... e la lista potrebbe ancora continuare. Con una sintetica presentazione della storia passata, il volume introduce l'opera di questi autori, su cui si sofferma nell'intento di fare propria la lezione da loro affidata, ai fini di una sua continuazione e di un suo compimento. Constatando che la profezia dei 'teologi della secolarizzazione' non si è avverata, ma al contrario il nostro tempo conosce un rinnovato interesse spirituale, l'autore conclude prospettivamente sulla spiritualità del futuro, che dovrà essere incarnata, comunitaria e trinitaria. Una nutrita bibliografia è resa disponibile per quanti desiderino approfondire il suggestivo argomento. SOMMARIO: Introduzione. I. Teologia e spiritualità: la vicenda storica. II. Teologia e spiritualità: una considerazione sistematica. III. Agli inizi del secolo. IV. Gli anni del rinnovamento. V. La lezione del concilio. VI. La riscoperta dell'escatologia. VII Ulteriori sviluppi e prospettive. Conclusioni: la spiritualità del futuro.

AUTORE GIORDANO FROSINI, docente di teologia sistematica nella Facoltà Teologia dell'Italia Centrale, è autore di numerose opere maturare nell'insegnamento e nell'attività pastorale. Suo intento è sempre sto quello di unire insieme la serietà scientifica lo stile semplice e piano, possibilmente all

<