UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Quale società civile per l’Italia di domani?

43a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani
19 Aprile 1999

te le comunità in cui l'uomo vive: la famiglia, in primo luogo, la comunità locale e regionale, la nazione, il continente, l'umanità intera: la solidarietà le anima, raccordandole fra di loro secondo il principio di sussidiarietà che attribuisce a ciascuna di esse il giusto grado di autonomia" . Nell'imminenza dell'anno giubilare affidiamo a Dio misericordioso la volontà di realizzare, anche tramite questo sforzo di discernimento e di individuazione di risposte efficaci e solidali ai problemi della nostra società, un vero pellegrinaggio verso la casa comune del Padre "di cui si riscopre ogni giorno l'amore incondizionato per ogni creatura umana, e in particolare per il figlio perduto (cfr. Lc 15,11-32)" .
Festa di san Giuseppe, 19 marzo 1999
+ Pietro Meloni Presidente del Comitato Scientifico e Organizzatore per le Settimane Sociali dei Cattolici ItalianiPRESENTAZIONE
La Chiesa italiana nel Convegno ecclesiale di Palermo ha maturato la ferma convinzione di voler "stare nella storia con amore" e di contribuire con impegno al rinnovamento della vita sociale e politica del Paese, raccomandando, tra l'altro, il rilancio delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani a livello nazionale. Nei lavori di quell'assise è scaturita dai convegnisti la coscienza che "i cattolici non sono una "realtà a parte" del Paese. Essi intendono rinnovare il loro servizio alla società e allo Stato alla luce della loro tradizione culturale e civile, della dottrina sociale della Chiesa e delle numerose testimonianze di carità politica, alcune giunte fino al martirio" . Il Comitato Scientifico e Organizzatore, peraltro, nella preparazione della 43ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani ha voluto collocare questa iniziativa nella più ampia prospettiva del progetto culturale della Chiesa in Italia ispirandosi alle linee del suo processo che "esige da una parte fedeltà alla dottrina della fede e all'insegnamento sociale della Chiesa e dall'altra rispetto della legittima autonomia delle realtà terrene e quindi competenza, professionalità e rigore metodologico" . La scelta del tema, il documento preparatorio elaborato dal Comitato, che viene qui presentato, la scelta della sede di Napoli e le modalità stesse di svolgimento della Settimana rispondono all'obiettivo di voler vivere un'autentica esperienza di confronto, di approfondimento e di elaborazione che i cattolici italiani vogliono offrire al Paese per rispondere a quel rinnovamento culturale, morale e sociale auspicato da tutti in un momento di gravi e profonde trasformazioni che investono tutta la società a livello nazionale e internazionale. Ci guida la convinzione che è essenziale riscoprire e dare fattiva realizzazione ad alcuni principi indispensabili per una realizzazione della vita sociale che sia espressione autentica del bene comune. "La solidarietà passa attraverso tut

ALLEGATI

    <