UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Proposta per la coordinazione futura del lavoro

-
12 Giugno 1999

1. La pastorale sociale e del lavoro è una sfida di grande importanza. E' perciò necessaria una rete che a livello europeo garantisca la possibilità di scambio e di coordinazione del lavoro.
2. Proponiamo perciò una struttura "leggera" collegata con il CCEE: un segretariato informale e permanente che coordini i lavori. Il CCEE ne garantisce la continuità istituzionale.
3. Il Segretario sarà "itinerante": ogni due anni l'impegno di coordinamento passerà da una conferenza episcopale ad un'altra. Per i primi due anni (Novembre 1998 - Novembre 2000) questo impegno è affidato alla Commissione episcopale per i problemi sociale e il lavoro della Conferenza episcopale italiana, che ha organizzato questo primo incontro.
4. Tutte le Conferenze episcopali europee nominano un "Referente" per il segretariato. Tutti i referenti si incontrano una volta all'anno, su invito del Segretario del Coordinamento, in accordo con il Segretario Generale del CCEE.
5. Ogni 3-4 anni sarà organizzato un simposio europeo: al simposio saranno invitati i vescovi responsabili, i direttori o i segretari delle commissioni nazionali per la pastorale sociale e il lavoro di tutte le Conferenze episcopali, insieme ad alcuni esperti. L'incontro è organizzato dalla Conferenza episcopale che ha l'incarico del Segretariato.
Frascati, 14 novembre 1998

<