UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Molise

-
18 Maggio 1999

rutture private (aziende e società) per favorire l'incontro tra domanda e offerta di lavoro;
- bacheche e pannelli espositivi ove collocare le informazioni utili al pubblico; - raccolta e diffusione di materiale informativo disponibile presso il centro; - disponibilità di banche dati cartacee e computerizzate e guide al lavoro;
b) Attività di formazione da svolgere in collaborazione con gli animatori della Diocesi di Campobasso.
c) Attività di orientamento alle scelte lavorative, alle iniziative imprenditoriali nel settore sociale, allo sviluppo delle idee sulla occupazione futura;
- consulenze personalizzate presso il centro; - incontri periodici (programma da strutturare) con i giovani presenti nelle 60 parrocchie della diocesi; - assistenza progettuale per i giovani che intendono avviare un'attività di impresa sociale e desiderano un aiuto per la redazione del loro piano di lavoro. A) Gli animatori di comunità e i Centri Servizi all'Imprenditorialità Giovanile
nome struttura indirizzo città telefono fax GERMANESE Antonella Centro Servizi All'Imprenditorialità Giovanile c/o Curia Vescovile di Campobasso - Boiano Via Mazzini, 80 tel. 0874/482936 fax.0874/482780 86100 Campobasso 0874482936 0874/482780 CIAFARDINI Mario Centro Servizi All'Imprenditorialità Giovanile c/o Curia Vescovile P.zza Cattedrale tel. 0874/871745 fax.0874/871775 86029 . Trivento (Cb) 0874871745 0874/871775

B) Il Coordinamento regionale Il giorno 26 ottobre 1998, alle ore 11.20, presso i locali dell'ex seminario vescovile di Campobasso, si è tenuta la riunione del Coordinamento Regionale a cui aderiscono la Pastorale Sociale e del Lavoro, la Caritas e la Pastorale Giovanile delle Diocesi di Campobasso e Trivento. Alla riunione sono presenti i sacerdoti: don Saverio Di Tommaso, don Mimì Fazioli, don Luigi Primiano ed i signori: Antonella Germanese, Maria Valente, Tommaso Gisondi, Mario Ciafardini. L'incarico di segretario di riunione, svolto a turno dai presenti, viene affidato al sig. Mario Ciafardini. I lavori iniziano con la comunicazione da parte di don Mimì Fazioli dell'intervento di S.E. Antonio Santucci, vescovo di Trivento, presso i vescovi delle Diocesi di Isernia-Venafro e di Termoli-Larino, nell'intento di stimolare l'adesione dei responsabili e/o dei rappresentanti delle tre pastorali delle rispettive Diocesi al "Progetto Policoro" ed al Coordinamento regionale, per dare più forza e voce alle esigenze della nostra regione. Seguendo gli argomenti all'ordine del giorno si decide quanto segue: 1) i presenti eleggono don Saverio Di Tommaso quale rappresentante regionale per la Caritas all'interno del Coordinamento stesso, in sostituzione di P. Luciano Lotti, trasferito a Roma; 2) circa il piano pastorale comune per il 1998/99 si è analizzata la possibilità di stringere rapporti di reciprocità con altre regioni e si è parlato di gemella ggi fra Diocesi. Don Mimì Fazioli illustra quanto è già stato realizzato in altre regioni del Meridione e dà lettura di un articolo pubblicato su Avvenire relativo a tale argomento. In merito però, si decide di rimandare la pianificazione ad altra data e concentrare gli sforzi per dare inizio alle attività degli "animatori di comunità" (punto 4) prevista per il 6 novembre, dopo l'incontro di Policoro; 3) per ciò che concerne il convegno regionale su "Evangelizzazione e Lavoro" viene fatta lettura del programma elaborato nella riunione di Castelpetroso in data 8 luglio 1998 e viene deciso di attenersi a quanto stabilito in tale sede. Il convegno si terrà all'Hotel President di Pietracupa nel mese di febbraio, data da stabilire sentita disponibilità delle Diocesi di Isernia e Termoli, dei relatori e di coloro che dovranno dare la loro testimonianza. L'incarico di contattare i relatori, l'hotel e le diocesi di Isernia e Termoli viene affidato a don Mimì Fazioli. Non sono stati affrontati altri argomenti e non viene decisa la data per il prossimo incontro, vista la possibilità di ritrovarsi il 5 novembre a Policoro.

C) Gli Animatori di comunità: incontro del 23 luglio 1998 - Trivento
Dopo l'incontro tenuto a Castelpetroso l'8 luglio 1998 dal Coordinamento regionale delle pastorali (caritas, lavoro e giovanile) coinvolte nel Progetto Policoro, gli operatori di comunità delle Diocesi di Campobasso e Trivento si sono riuniti per stilare il programma delle attività per l'anno 1998-99. Erano presenti Antonella Germanese, Maria Valente, Mario Ciafardini e Cristina Lella. Nell'ottica di una proficua realizzazione delle iniziative e di un buon andamento delle linee operative della pastorale del lavoro, i presenti si sono confrontati sui compiti precisi dell'operatore di comunità alla luce degli incontri effettuati finora con i responsabili nazionali e del percorso formativo effettuato a Benevento. Dunque, si è precisato che tutti gli operatori di comunità hanno l'impegno di agire sul proprio territorio per stimolare la domanda di autoimprenditorialità attraverso le varie forme dirette e indirette di animazione e formazione nonché di contribuire alla crescita del terzo settore e alla valorizzazione economica delle finalità, delle competenze e dei valori maturati al suo interno. In particolare tale programma costituirà l'obiettivo principale del lavoro dei due operatori di comunità destinatari della borsa di studio promossa dalla CEI (Antonella Germanese per la diocesi di Campobasso e Mario Ciafardini per la diocesi di Trivento) i quali attraverso la costituzione di un centro di formazione, informazione e orientamento per i giovani promuoveranno in entrambe le diocesi una nuova mentalità e una nuova modalità per affrontare il problema - lavoro. A tal fine, gli uffici pastorali dovranno essere attrezzati in maniera adeguata (almeno un computer, telefono e fax e quant'altro serve per operare) per favorire le attività e sostenuti dalla Curia di appartenenza secondo quanto indicato anche dai responsabili nazionali delle tre pastorali. Pertanto l'incontro è risultato di fondamentale importanza per definire le linee del nuovo piano operativo da seguire e per stabilire insieme di fissarle in un programma ben preciso (vedi allegato n. 1) che sarà reso ufficiale entro il mese di settembre 1998, onde evitare anche errori di interpretazione circa il ruolo che gli operatori di comunità dovranno assumere d'ora in poi in ogni diocesi.

D) Programma di lavoro animatori di comunità diocesi di Campobasso - Bojano
Costituzione Centro di informazione, formazione e orientamento
a) Sportello informativo aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.30 (il sabato fino alle ore 13.00) per offrire:
- informazioni sulle opportunità lavorative esistenti nel campo sociale (imprese sociali, cooperative, associazioni, enti morali, ecc.); - indicazioni sulla legislazione regionale e nazionale legata alla promozione del lavoro;
- notizie dettagliate circa le diverse possibilità di lavoro presenti nel mercato del terzo settore; - consultazione riviste, quotidiani e altro materiale informativo.

Modalità organizzative - abbonamento a IL SOLE 24 ORE; CORRIERE E LAVORO; FINANZIAMENTI E OPPORTUNITÀ; SETTIMANALE VITA; MILLIONAIRE; GAZZETTA UFFICIALE e altro; - abbonamento a Internet; - collegamento con enti e strutture pubbliche con le quali intraprendere un lavoro di rete (Ufficio del lavoro; Informagiovani; Biblioteca provinciale; Azienda speciale FAI Camera di Commercio non specializzate nel campo del terzo settore); - rapporti e forme di comunicazione con strutture private (aziende e società) per favorire l'incontro tra domanda e offerta di lavoro; - bacheche e pannelli espositivi ove collocare le informazioni utili al pubblico; - raccolta e diffusione di materiale informativo disponibile presso il centro; - disponibilità di banche dati cartacee e computerizzate eguide al lavoro;
Animatori impegnati Antonella Germanese Maria Valente Corrado Nuzzi
b) Attività di formazione da svolgere durante l'arco dell'anno e volta alla promozione delle tematiche del terzo settore e alla preparazione di soggetti interessati ad intervenire sul territorio in qualità di animatori, di promotori della cultura imprenditoriale;
Modalità organizzative - un corso di formazione strutturato su un periodo medio-lungo (3 o 4 mesi) da realizzare dal mese di gennaio 1999 presso la Curia arcivescovile. Tematica: da concordare; - cinque seminari di durata settimanale (da arricchire con eventuali stages in strutture del Terzo settore) rivolti a giovani disoccupati da articolare su un periodo da dicembre a maggio da svolgere 1999 presso la Curia arcivescovile. Tematiche: da concordare.
Animatori impegnati Antonella Germanese Maria Valente Anna Morsella
c) Attività di orientamento alle scelte lavorative, alle iniziative imprenditoriali nel settore sociale, allo sviluppo del le idee sulla occupazione futura;
Modalità organizzative - un incontro al mese con i giovani presenti nelle parrocchie di ogni forania; - un incontro finale con tutti i partecipanti agli incontri intermedi da svolgere presso la Curia arcivescovile; - due incontri annuali (a carattere sperimentale) da realizzare in ogni paese della forania previo contatto con il Sindaco per coinvolgere tutti i cittadini (e non solo i giovani legati alla parrocchia) nell'esame del problema-lavoro; - consulenze personalizzate presso il centro; - assistenza progettuale per i giovani che intendono avviare un'attività di impresa sociale e che desiderano un aiuto concreto per la redazione del loro piano di lavoro.
Animatori impegnati Anna Morsella Corrado Nuzzi
E) Programma di lavoro animatori di comunità diocesi di Trivento
Costituzione Centro di informazione, formazione e orientamento
a) Sportello informativo aperto due giorni alla settimana (da stabilire) dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00 per offrire: - informazioni sulle opportunità lavorative esistenti nel campo sociale (imprese sociali, cooperative, associazioni, enti morali, ecc.); - indicazioni sulla legislazione regionale e nazionale legata alla promozione del lavoro; - notizie dettagliate circa le diverse possibilità di lavoro presenti nel mercato del terzo settore; - consultazione riviste, quotidiani e altro materiale informativo.
Modalità organizzative - abbonamento a IL SOLE 24 ORE; CORRIERE E LAVORO; FINANZIAMENTI E OPPORTUNITÀ; SETTIMANALE VITA; MILLIONAIRE; GAZZETTA UFFICIALE e altro; - abbonamento a Internet; - collegamento con enti e strutture pubbliche con le quali intraprendere un lavoro di rete (Ufficio del lavoro; Informagiovani; Biblioteca provinciale; Azienda speciale FAI Camera di Commercio non specializzate nel campo del terzo settore); - rapporti e forme di comunicazione con st

<