UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Intervento di Lorenzo Ornaghi alla Tavola Rotonda della Sessione conclusiva “I Cattolici e la Democrazia”

44a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani
10 Ottobre 2004

Le trasformazioni della democrazia – quelle più manifeste, e quelle che in maniera meno visibile già stanno operando da tempo – rappresentano una questione essenziale per comprendere verso quali orizzonti stiano muovendo i regimi politici occidentali. Costituiscono anche un tema che necessariamente e, ritengo, preliminarmente deve affiancare ogni riflessione sul ruolo possibile e auspicabile che i cattolici italiani intendono svolgere nella vita pubblica e politica, non solo italiane ma anche europee. Le osservazioni che mi appresto a svolgere seguiranno pertanto l’ordine dei due problemi: dapprima, una sintetica rassegna dei principali cambiamenti di fronte e in mezzo ai quali si trovano oggi le democrazie, e, successivamente, alcune considerazioni sul contributo che i cattolici possono offrire all’interno di questi cambiamenti e nella prospettiva di riuscire a orientarli. Infine, terza e doverosa premessa, le mie considerazioni risulteranno enunciate in forma talvolta sin troppo semplificata. Più che da ragioni di tempo, ciò è conseguente alla scelta di concentrare l’attenzione su alcuni dei principali risultati, esposti in forma sintetica, delle ricerche e dei più recenti studi sui mutamenti della democrazia. Quali, dunque, i principali cambiamenti in atto nei sistemi democratici?

ALLEGATI

<