UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

I poveri e la novità del cuore

Schede in preparazione del Giubileo
18 Marzo 1999

ta la nostra comunità cristiana per essere nel mondo segno vivo del suo affidamento a Dio?

PER CONTINUARE LA RICERCA "Tre sono le cause dell'amore delle ricchezze: amore del piacere, vanagloria e mancanza di fede; ma più grave delle altre due è la mancanza di fede. L'amante del piacere ama il danaro per poter vivere lussuosamente con esso; il vanaglorioso per essere esaltato; chi non ha fede per nasconderlo e custodirlo, avendo paura della fame, della vecchiaia, della malattia o dell'esilio, e spera più in esso che in Dio, autore e provvidenza, per ogni creatura, fino agli ultimi e più piccoli essere viventi" (S. Massimo).
PER LA PREGHIERA Signore della mia vita, allontana da me lo spirito dell'ozio, della tristezza, dell'amore per il dominio e per le parole vane. Accorda al tuo servo lo spirito di temperanza e di umiltà, di perseveranza e la carità che non verrà mai meno. Sì, mio Signore e mio re, concedimi di vedere i miei peccati e di non giudicare il fratello. Perché tu sei benedetto nei secoli dei secoli. Amen.
(Efrem Il Siro) IL LIBRO DELLA BIBBIA "In quello stesso istante Gesù esultò nello Spirito Santo e disse: "Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così a te è piaciuto. Ogni cosa mi è stata affidata dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare"" (Lc 10, 21-22).

PER COMPRENDERE IL TESTO - Il sorriso ci conduce a scoprire il segreto più recondito della persona, quello che costituisce il suo mistero profondo. Con questo brano Luca vuole condurci alla contemplazione del sorriso che rende splendente il volto di Gesù, e perciò a quello che si nasconde nel mistero della sua persona. Il motivo dello stupore e della gioia che lo inonda è l'accoglienza che i piccoli e i poveri fanno del vangelo, liberi da appoggi umani, dalle sicurezze delle cose e dei ruoli, affidandosi totalmente e con fiducia all'amore del Signore.
- Il volto splendente di Gesù, il primo dei piccoli e dei poveri, ci guida allora alla scoperta, sul volto di ogni povero, delle tracce del sorriso di Dio, felice che questi piccoli abbiamo carpito il segreto del suo cuore. Ma ci insegna anche che alla loro scuola dobbiamo imparare ad avere un cuore di povero, libero da tante false sicurezze, un cuore che si lascia fare nuovo dall'amore del Signore. Fiorirà allora sul volto di Dio, anche per noi, un sorriso luminoso, pieno di stupore al vedere che sappiamo accogliere il suo amore.
IL LIBRO DELLA VITA - Noi viviamo in un mondo tutto preso dalla rincorsa al consumo, al possesso delle cose… Rileggendo la nostra vita; cosa scopriamo al riguardo? Che cosa si nasconde dietro a questa corsa affannosa?
- Cosa vuol dire per noi imparare la povertà alla scuola dei poveri? Come essi ci guidano all'essenziale? Quali passi siamo chiamati a fare in tale direzione?
- A che scelte è chiama

<