UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Gruppi di lavoratori delle pubbliche amministrazioni – 2 –

Questo sussidio di riflessione si presenta nelle vesti di uno strumento a cannocchiale. Si auspica, cioè, ch’esso aiuti il nostro sguardo a focalizzare con maggiore attenzione, nel proprio ambiente di lavoro, i problemi risolti e irrisolti posti dalla riforma delle Pubbliche Amministrazioni a dieci anni dalla promulgazione del famoso Decreto Legislativo 29/93.
16 Settembre 2008

In questo fascicolo si mettono a fuoco nuove questioni che ineriscono le problematiche culturali e le sfide, tutte da raccogliere, nell’ambito delle Pubbliche Amministrazioni, e che esponiamo in quattro schede tematiche.
La prima riguarda l’attivazione e l’esercizio delle diverse responsabilità dei soggetti chiamati, secondo il proprio ruolo e la propria competenza, a trasformare il lavoro pubblico in un servizio efficiente e fruibile dai cittadini.
La seconda tratta della managerizzazione o aziendalizzazione del lavoro pubblico; del lavorare cioè secondo logiche imprenditoriali, nascenti proprio dalla privatizzazione del rapporto di lavoro del pubblico impiego, con i rischi e le opportunità che essa comporta.
La terza tocca le problematiche del decentramento e del principio di sussidiarietà ad esso collegato. È un processo in continua evoluzione, tutto da seguire nei suoi possibili sviluppi ma che ha un sicuro impatto politico-organizzativo su settori importanti delle Pubbliche Amministrazioni.
Infine, si mette a fuoco la questione della semplificazione amministrativa, intesa come cifra di cambiamento e di emancipazione dal vecchio modello autoritativo della Pubblica Amministrazione; la sua graduale implementazione già produce ricadute positive sui cittadini che ora vantano, rispetto al passato, un vero e proprio diritto a servizi di efficienza e qualità.
 
 
 
 
 

<