UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Basilicata

-
18 Maggio 1999

mento del servizio, con maggiore riferimento ai bisogni dei portatori di handicap e all'orientamento realizzato nelle scuole e nei centri di aggregazione giovanile, tenendo conto della legge regionale che offre opportunità di potenziamento o apertura di Centri Informagiovani alle Amministrazioni che ne fanno richiesta. Il Centro è in rete con l'Ufficio diocesano di Matera, l'Ufficio INFORMA di Bari e i Centri ad esso collegati per una migliore efficacia di comunicazione, nuovi interventi su territori attigui, un migliore scambio di opinioni e possibilità lavorative.A) Gli animatori di comunità e i Centri Servizi all'Imprenditorialità giovanile
TUDISCO Maria Antonietta - Centro Servizi All'Imprenditorialità Giovanile c/o Comune di Melfi - P.zza Abele Mancini - 85025 Melfi (Pz) tel. 0972/251269 - 0972251269 RABITE Carmela Rosaria - Centro Servizi All'Imprenditorialità Giovanile c/o Curia Vescovile - P.zza Cattedrale, 8 - 75028 Tursi (Mt) tel. 0835/533012 - 0835533012 MOLARONI Maria Vittoria - Centro Servizi All'Imprenditorialità Giovanile via Ridola, 22 - 75100 Matera tel. 0835/314228 - 0835314228
B) 26-27-28 febbraio: 1° corso sull'evangelizzazione per i problemi del lavoro
Chiesa e lavoro Partendo dalla convinzione che alla Chiesa non può non interessare l'interrogativo esistenziale di tanti giovani che rischiano di passare dalla disoccupazione del lavoro alla disoccupazione della vita il "Progetto Policoro" (dal nome della città in cui ha avuto inizio l'esperienza) ha individuato tre linee d'intervento pastorale da sviluppare a livello locale e da organizzare in collaborazione tra le chiese. Tali linee sono: 1. un impegno di evangelizzazione esplicito nei confronti dei giovani disoccupati o occupati in forme di lavoro nero o precario; 2. iniziative di formazione dei giovani al concetto di lavoro, realizzate in collaborazione con professionisti messi a disposizione da enti e istituzioni coinvolti nel progetto: a Potenza uno di questi corsi intensivi si è svolto nei mesi scorsi con la partecipazione di circa venti giovani; 3. gesti di solidarietà delle chiese e reciprocità fra le chiese, con i quali le comunità ecclesiali - senza la pretesa di divenire soggetti d'impresa - vogliono incoraggiare nuove opportunità di lavoro: in diocesi particolarmente interessata da tale discorso è l'area di Bucaletto, nella quale un gruppo di giovani sta cercando di portare avanti un progetto di lavoro in collaborazione con le istituzioni ecclesiastiche. Questo progetto si presenta come uno dei segni più belli della liberazione della gente del Sud, chiamata a costruire con impegno e creatività la sua storia di crescita e di sviluppo, in una prospettiva veramente "d'insieme" ecclesiale e civile.
C) Costituzione del Coordinamento regionale e prime iniziative operative Si è costituito, in forma stabile, il coordinamento regionale tra le tre pastorali - come previsto dal progetto Policoro - ed ha organizzato una prima serie di incontri per collegare le varie iniziative in cantiere. Oltre al coordinamento dei Centri si stanno avviando in regione alcune iniziative di impresa nelle diocesi di: * Potenza, quartiere Bucaletto; * Matera * Melfi
D) Il Centro Informagiovani di Melfi Nel mese di luglio l'Ufficio diocesano per la pastorale sociale e del lavoro, la Caritas diocesana, la Cooperativa "Succo di Sole", l'Amministrazione Comunale hanno raggiunto un'intesa per la realizzazione dello sportello "Informazione" al fine di realizzare un punto di incontro per i giovani, efficace nella comunicazione di alternative al lavoro fisso e propositivo nell'organizzazione di manifestazioni per i giovani. Si è provveduto alla promozione con il volantinaggio a spese della diocesi, la pubblicità sugli autobus a spese dell'operatore di comunità, la rassegna stampa sui quotidiani "Gazzetta del Mezzogiorno" e "Nuova Basilicata", la comunicazione ai TG3 Basilicata e Telecento. Lo sportello funziona all'interno dei locali comunali, con attrezzature e materiali comunali, con una banca dati cartacea e una banca dati curricula della diocesi, la disponibilità dell'animatore di comunità formatosi nel corso IG-CEI tenutosi a Bari, la presenza di operatori volontari della Cooperativa Sociale "Succo di Sole" per la realizzazione d'interventi sul territorio, per la ricerca dati e l'orientamento. Al momento ha reso possibile l'assunzione di alcune forze lavoro nel settore dei servizi alla persona e alle imprese. Con l'Amministrazione Comunale si è provveduto al potenzia

<