UFFICIO NAZIONALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Lavoro

Il lavoro è di «primaria importanza per la realizzazione dell’uomo e per lo sviluppo della società, e per questo occorre che esso sia sempre organizzato e svolto nel pieno rispetto dell’umana dignità e al servizio del bene comune. Al tempo stesso, è indispensabile che l’uomo non si lasci asservire dal lavoro, che non lo idolatri, pretendendo di trovare in esso il senso ultimo e definitivo della vita» (Benedetto XVI, Omelia, 19 marzo 2006).
È importante impegnarsi perché ogni persona possa vivere un lavoro che lasci uno spazio sufficiente per ritrovare le proprie radici a livello personale, familiare e spirituale, prendendosi cura degli altri nella fatica del lavoro e nella gioia della festa, rendendo possibile la condivisione solidale con chi soffre, è solo o nel bisogno.

24 giugno 2013

Incontro del Vescovo di Novara con alcune lavoratrici del commercio con le loro rappresentanze sindacali

Una delegazione di lavoratrici provenienti dai diversi Centri Commerciali di Novara e zona, sono stati ricevuti venerdì 7 giugno, dal Vescovo di Novara S. E. Mons. Franco Giulio Brambilla.

5 marzo 2013

Non bruciamo la domenica

Da monsignor Casile (Ufficio Cei per i problemi sociali e il lavoro) l'invito a ''non sacrificare all'economia'' il giorno del Signore.

5 marzo 2013

Custodire la domenica

«La capacità di vivere il lavoro e la festa come compimento della vocazione personale appartiene agli obiettivi dell’educazione cristiana. È importante impegnarsi perché ogni persona possa vivere «un lavoro che lasci uno spazio sufficiente per ritrovare le proprie radici a livello personale, familiare e spirituale» (Caritas in veritate, n. 63)

5 marzo 2013

Lavoro domenicale – archivio

Alcuni interventi riguardanti il lavoro domenicale

20 gennaio 2011

“… la domenica non può essere sacrificata a ragioni economiche”

“… Nel riposo domenicale, infatti, non s’incontrano meramente i componenti di una medesima famiglia, ma le persone e le famiglie tra loro: è la vita comune che si esprime e si rafforza nel segno dell’incontro, del riposo che ricrea, …”

<